WHAT’S NEW – News tecnologia GIS Esri

di Antonio Natale

Penso che a luglio 2020, con l’introduzione delle funzioni per la tabella degli attributi, il Map Viewer Beta abbia fatto l’ingresso a pieno titolo nel mondo degli utenti di ArcGIS Online. Abituati ormai da anni a consultare i nostri dati anche in tabella, non poterlo fare con il nuovo Map Viewer era un po’ vivere un’esperienza a metà. Da quando siamo geografici in fasce ci abituano all’idea che i dati si possono vedere in mappa e sulla tabella. Non trovare più la famosa “tabella degli attributi” rendeva il Map Viewer un po’ un CAD evoluto. 

Source: Map Viewer Beta, Mike Minami

Source: Map Viewer Beta,  Mike Minami

Map Viewer Beta

Example by Jim Herries, in Blend Modes for Thematic Maps

Ma la cosa che nell’ultima conferenza ho visto, che in realtà già da giugno era disponibile sul Map Viewer Beta, è la funzionalità Blend Modes. Un qualcosa da rimanere a bocca aperta. Un vero passo in avanti per la creazione di mappe tematiche senza precedenti. Guardate questo video su YouTube per capire la bellezza di una mappa con questa funzionalità. 

 

Per la tua privacy YouTube necessita di una tua approvazione prima di essere caricato.
Ho letto la Privacy Policy ed accetto

Ora il Map Viewer Beta deve essere usato! È sempre colpa delle tabelle. 

 

For more information

Autore: Antonio Natale
Autore: Antonio Natale
Geografo specializzato in GIS, telerilevamento e sviluppo sostenibile. Da oltre 15 anni affianca gli specialisti di vari settori, le pubbliche amministrazioni e le imprese offrendo le proprie competenze in merito all’analisi dei dati, progettazione GIS e gestione di progetti complessi in cui le informazioni spaziali hanno una fondamentale rilevanza.

Dal 2011 fa parte della software house TeamDev dove ricopre il ruolo di COO e gestisce la divisione gisAction che si occupa di consulenza e formazione sul GIS e di telerilevamento per PA, organizzazioni no profit, istituti di formazione ed organizzazioni internazionali.

Partecipa direttamente a progetti internazionali soprattutto nell’area dei Balcani.

FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail